FATTURAZIONE ELETTRONICA – COMUNICAZIONE CODICE IPA – SPLIT PAYMENT

 

Dal 31 marzo 2015 il Comune di Cavriana non potrà più accettare fatture in formato cartaceo e pertanto per tutti i contratti, anche quelli in corso, i fornitori dovranno attivarsi per inviare all’ente fattura elettronica da trasmettere tramite posta elettronica all’indirizzo PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. secondo il formato di cui all'allegato “A” - "Formato delle fatture elettroniche” del D.M. n. 55 del 3 aprile 2013.

Il Comune di Cavriana ha identificato un unico ufficio di fatturazione di cui si riportano i dati:

Nome ufficio: Uff_eFatturaPA

CODICE UNIVOCO UFFICIO da riportare nella fattura elettronica: UF1AKA

L'informazione relativa al Codice Univoco Ufficio deve essere inserita nella fattura elettronica in corrispondenza dell'elemento del tracciato 1.1.4 denominato "Codice Destinatario”.

Il Codice Univoco Ufficio è infatti un’informazione obbligatoria della fattura elettronica che identifica in modo univoco ciascuna PA e consente al sistema di interscambio (SDI) di recapitare la fattura elettronica all’ufficio destinatario (PA). Altre informazioni sono consultabili sul sito www.fatturapa.gov.it

A completamento del quadro regolamentare si segnala che l’allegato B “Regole tecniche” al citato D.M. n. 55/2013 contiene le modalità di emissione e trasmissione della fattura elettronica alla P.A. per mezzo dello SDI, mentre l’allegato C “Linee guida” del medesimo decreto riguarda le operazioni per la gestione dell’intero processo di fatturazione.

Si ricorda inoltre che l’art. 1, comma 629, lett. b) della legge 190/2014 (legge di stabilità 2015) ha introdotto l’art. 17 ter del DPR 633/72 che prevede il meccanismo del cosiddetto “SPLIT PAYMENT” (o scissione dei pagamenti) per le operazioni fatturate dal 1 gennaio 2015 ed effettuate nei confronti del Comune, il quale verserà direttamente all’Erario l’imposta sul valore aggiunto che è stata addebitata in fattura dai fornitori.

I fornitori dovranno pertanto indicare in fattura l’annotazione “scissione dei pagamenti” - art. 17 ter del DPR n. 633/72.

La scissione dei pagamenti non si applica ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo d’imposta o a titolo di acconto sul reddito (vedi circolare Agenzia Entrate n. 6/E del 19.02.2015, punto 8.7).

Questo sito utilizza i cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per conoscere nel dettaglio il nostro utilizzo dei cookie e le modalità di eliminazione, leggi la nostra Cookie policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information