Cenni Storici

Cavriana, il cui centro storico è situato su uno dei colli meridionali dell’anfiteatro morenico del Garda, è uno dei più antichi insediamenti dell’uomo italico, come testimonia il ritrovamento di reperti archeologici attribuibili al Neolitico. Dopo la presenza di popolazioni galliche, il sito viene occupato dai romani ed il ricco materiale recuperato nel corso di diversi scavi è ora raccolto nel Museo Archeologico dell'Alto Mantovano.

In un documento datato attorno all’anno Mille, la Corte di Cavriana, possesso del Vescovo di Mantova, viene chiamata Capriana.

Passata tra il 1200 e il 1300 dalla famiglia dei Riva a quella dei Bonacolsi, in lotta fra loro, nel 1367 Cavriana diventa definitivamente parte dei possedimenti gonzagheschi grazie all’investitura da parte di Ludovico il Bavaro di Luigi Gonzaga, nominato Vicario Imperiale.

Seguono poi le guerre fra Gonzaga e Visconti, durante le quali l’antico castello di Cavriana viene ampliato e le mura che circondano la rocca vengono dotate di quattro torri angolari. La popolazione, che un tempo abitava nei pressi della pieve situata su un colle vicino, si trasferisce all’interno del paese, difeso da un giro di alte mura.

Per sfuggire alla peste, nel 1383 Francesco Gonzaga si rifugia a Cavriana e probabilmente si deve a lui la costruzione in loco di una residenza signorile. Il successore Gianfrancesco fu impegnato soprattutto in campo bellico e, durante un periodo di residenza a Cavriana, egli ha ospitato i rappresentanti degli Stati coinvolti nel conflitto in corso per discutere le condizioni di pace.

Successivamente, Ludovico, marchese (poi duca) di Mantova fino al 1478, assume l’architetto Giovanni da Padova per operare una serie di interventi al fine di rafforzare le mura e abbellire la rocca. Cavriana diventa soggiorno preferito di Ludovico ed in questo periodo il palazzo assume dimensioni notevoli. Nella rocca trovano spazio ambienti di rappresentanza, saloni privati, ampi loggiati e camere dipinte secondo il disegno del Mantegna, oppure uscite dal pennello di Samuele di Tradate. Il palazzo di Cavriana durante l'estate è frequentato anche da Isabella d'Este, moglie di Francesco IV Gonzaga. A Cavriana soggiorna anche Andrea Mantegna, i cui allievi sono impegnati nell'opera di abbellimento delle abitazioni, con dipinti murali in gran parte scomparsi.Compaiono inoltre nuove culture: i gelsi per l'allevamento del baco da seta, lo zafferano, la ginestra, i mandorli, i fichi , i melograni e le viti; si introduce la pianta del pepe e la canna da zucchero; si diffondono le piantagioni di ulivi, favorite dal clima mite influenzato dai lago di Garda. E' un periodo di splendore per Cavriana, che da modesto borgo di contadini assurge a sede secondaria della Signoria.

Attorno al 1630 inizia però un triste periodo di declino: anche Cavriana viene investita dal furore della guerra ed il suo castello, ritenuto il più ampio dello Stato, viene assalito, occupato e parzialmente demolito. Seguono la carestia e la peste. Nel 1650, il governo gonzaghesco definisce il castello di Cavriana “decaduto”.

Nel 1707 cade la signoria dei Gonzaga e l'Austria, nuovo governante, decide, verso la metà del secolo, l'abbattimento della rocca ormai in condizioni fatiscenti. Il materiale viene recuperato e venduto per costruire nuove abitazioni e per riempire le parti sotterranee del grande complesso. Sulle fondamenta della rocca abbattuta si costruisce la villa Mirra, pregevole edificio, noto anche storicamente per aver ospitato, durante la seconda guerra d'indipendenza, l'imperatore Francesco Giuseppe e la notte successiva l'imperatore vincente Napoleone III.

Cavriana ha mantenuto l'originaria struttura di borgo fortificato e dominato dall'alto dalla possente rocca. I resti della costruzione sono maestosi e dalla sommità si gode uno splendido panorama sulla campagna e sino al Lago di Garda. Il paese è ancora ricco di testimonianze: vi si accede da una bella porta, che ci immette in una piccola piazza su cui si affacciano due palazzi cinquecenteschi.


English version Historical notes


Cavriana, whose historical centre is located on one of the southern hill of the Garda lake, is one of the oldest italic-man settlement, as it is testified by the discovery of archaeological finds attributed to the Neolithic. After the presence of Gallic population, the place was occupated by Romans and the rich finds discovered are now collected in the “Museo Archeologico dell’Alto Mantovano”. In a document dated aroud the year 1000, the Court of Cavriana, possession of the Bishop of Mantova, was called “Capriana”. Between 1200 and 1300 it passed from the Riva family to the Bonacolsi, in the 1367 Cavriana definitively became part of the possession of the Gonzaga, thanks to the nomination of Luigi Gonzaga as imperial Vicar made by Ludovico il Bavaro. During the wars between Gonzaga and Visconti, the ancient castle of Cavriana was enlarged and the walls was provided with four angular towers. The population, that lived near the Pieve (situated on a near hill), moved into the village, which was protected by high walls. To escape from plague, in the 1383 Francesco Gonzaga came to Cavriana and he probably built an elegant residence. The successor, Gianfrancesco, was busy with wars and, during his stay in Cavriana, he gave hospitality to the representatives of the States involved in the conflicts to discuss peace. Afterwards, Ludovico, marquis (then duke) of Mantova till 1478, he engaged Giovanni da Padova to reinforce the walls and to embellish the castle. Cavriana became Ludovico’s favourite place to live and in this period the palace got bigger and bigger. In the castle there were public and private rooms and spacious open galleries painted by Andrea Mantegna and Samuele di Tradate. During summer also Isabella d’Este (wife of Francesco IV Gonzaga) came to the palace of Cavriana. At that time also Andrea Mantegna lived in Cavriana, his pupils were busy embellishing houses with frescos, that are disappeared. Some new cultivations and foods appeared: mulberry trees to feed the silkworms, saffron, brooms, almond trees, fig trees, pomegranade trees, vines, pepper, sugar and in particular olive trees, thanks to the warm weather and the influence of the Garda lake. It was a period of magnificence for Cavriana; it had been only a village of farmers and it became the second seat of the Signoria. But in 1630 began a period of decline: the town was involved in wars and its wide castle was occupied and partially destroyed. In 1650 the castle of Cavriana was considered “decayed”. In 1707 the Gonzaga lost power. Austria, the new ruler, decided to pull down the ruins of the castle. The material of the castle was recycled and selled to build new houses. On the foundations of the castle they built the new “Villa Mirra” a beautiful building famous because the Emperor Francesco Giuseppe and also the Emperor Napoleone III slept there during the second indipendence war. Cavriana maintains its original structur as fortified village with a high fortress. The ruins of the old castle are very big and from the top of them we can see a wonderful view of the landscape till the Garda lake. The town is still full of testimonies: the beautiful access gate and the small square where there two palaces of the fourteenth century.

Questo sito utilizza i cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per conoscere nel dettaglio il nostro utilizzo dei cookie e le modalità di eliminazione, leggi la nostra Cookie policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information